Anelli con diamanti – Diamanti Anversa

Diamanti Anversa- anelli con diamanti Gli anelli con diamanti sono dei gioielli capaci di regalare eleganza a qualsiasi outfit, poiché, grazie alla brillantezza delle suddette pietre, illuminano la mano come non mai.

Inoltre, al fine di soddisfare le numerose esigenze dei consumatori, le numerose case produttrici, tra cui Diamanti Anversa, hanno messo a loro disposizione vari modelli.

Gioielli con diamanti: i diversi modelli di anelli

In commercio è possibile trovare i seguenti modelli di anelli con diamante:

– solitario: è il simbolo indiscusso dell’amore eterno, tanto che viene donato in occasione di un fidanzamento ufficiale, al quale seguono solitamente le nozze, poiché l’unica pietra presente sul prezioso rappresenta l’esclusività e la stabilità del legame sentimentale;

– trilogy: questo anello è costituito da tre pietre, le quali possono indicare sia la formazione di una nuova famiglia (madre, padre e figlio appena nato), sia la dedizione alla Santa Trinità (Padre, Figlio e Spirito Santo).
Può essere regalato da un neo genitori in occasione della nascita di un bambino oppure a una persona particolarmente religiosa.
Le pietre possono essere sia della medesima dimensione, sia di misure differenti;

– veretta: la parte esterna di questo gioiello è totalmente ricoperta da diamanti;

– semi veretta: i diamanti sono presenti solo sulla parte superiore ed esterna dell’anello.

Anche la veretta e la semi veretta possono essere regalati a una persona come simbolo di amore eterno e infinito.

Come scegliere i diamanti da incastonare

Se si desidera acquistare dei diamanti da incastonare, è importante assicurarsi che siano provvisti di certificazione, poiché tale documento consente di vendere le pietre in ogni parte del mondo.
Sul suddetto sono infatti riportate tutte le sue caratteristiche, conosciute anche come le 4C, ossia:

– caratura (carat): ha il compito di indicare peso e grandezza del diamante, che appunto si esprime in carati.
Un carato è pari a 0,2 grammi;

– colore (colour): indica il colore della pietra preziosa, la quale viene valutata con l’ausilio di una scala alfabetica decrescente, che parte dalla lettera D a seguire.
Una gemma di buona qualità resta sulle lettere G oppure H;

– clarity (purezza): questo parametro sta a indicare la presenza di eventuali inclusioni all’interno del diamante.
Anch’esso viene misurato con l’aiuto di una scala che inizia da LC/IF e termina con la sigla SI.
Quest’ultima si riferisce alle gemme con imperfezioni visibili a occhio nudo e pertanto di scarsa qualità;

– taglio (cut): lo scopo del taglio del diamante consiste nel valorizzare al massimo la sua lucentezza.
In commercio sono disponibili diversi tagli, basti pensare al cuore, al cuscino, alla goccia, alla marquise, all’ovale oppure al brillante.
Quest’ultima versione è perfetta non solo per gli anelli, ma anche se si decide di acquistare delle pietre preziose a prezzo d’ingrosso a scopo investimento.

Realizzazione gioielli personalizzati: tutto quello che bisogna sapere

Sempre più persone optano per la realizzazione di gioielli personalizzati, in modo da assicurarsi un articolo unico al mondo e capace di soddisfare appieno i gusti di chi li indosserà.
Prima di richiedere questo servizio, è innanzitutto necessario rivolgersi a dei professionisti esperti, i quali sono perfettamente in grado di consigliare gli abbinamenti e i modelli più adatti.
Chi non esercita tale lavoro non possiede infatti le capacità di individuare i punti di forza di ogni gemma e potrebbe dunque non valorizzarla come merita.
Altri parametri da prendere in considerazione sono:

– occasione d’uso del bijoux: se il gioiello deve essere indossato nella vita di tutti i giorni, è bene che abbia dimensioni discrete, così da non rendere difficoltosi i movimenti;
– fisicità della persona: sebbene possa sembrare un concetto scontato e banale, non lo è affatto.
La montatura del prezioso deve adattarsi alla sua fisicità.
Per esempio, se il destinatario ha le mani piccole, sono indicati degli anelli sottili capaci di mettere in risalto le dita e conferire loro una forma più slanciata.

Banco Diamanti – acquistiamo gioielli di pregio

Banco Diamanti - acquistiamo gioielli con diamantiL’occasione di presentare un regalo importante alla persona amata si avvicina e la compravendita di diamanti usati rappresenta una valida soluzione.

Da oltre trent’anni Banco Diamanti, con la sua capillare presenza sul territorio italiano, si occupa della valutazione di diamanti gratuita, con la compravendita di pietre preziose da parte di personale esperto e qualificato.
I gemmologi di Banco Diamanti garantiscono un’esperienza, sia online sia in negozio, altamente soddisfacente, con la possibilità di realizzare tra i massimi guadagni sul mercato e con la competenza di chi ha l’esclusivo interesse del cliente e un’elevata esperienza nel settore.

Compro diamanti: un’occasione da sfruttare al meglio

Se sei in possesso di gioielli con diamanti e desideri procedere alla valutazione, per il riacquisto di altri monili, compriamo diamanti usati alle massime quotazioni di mercato.
I diamanti sono pietre preziose che uniscono un fascino irripetibile a un elevato livello di contraffazione in tutto il mondo.
Come è possibile, quindi, tutelarsi dalle truffe che quotidianamente avvengono contestualmente alla compravendita dei diamanti?
Vi sono una serie di informazioni e misure che i proprietari di gioielli preziosi dovrebbero sapere, prima di approcciarsi alla vendita dei propri oggetti di valore.
Innanzitutto, la certificazione dei diamanti costituisce il più importante strumento di riconoscimento della loro autenticità.
Il diamante naturale, infatti, è provvisto di idonea certificazione, in cui sono riportate le caratteristiche della pietra preziosa.
Banco Diamanti effettua una valutazione completa e accurata, basandosi sul listino Rapaport per l’emissione dell’offerta, che il cliente ha la possibilità di accettare o meno.
I parametri di valutazione impiegati per la valutazione dei diamanti usati sono quelli basati sulla classificazione GIA, il Gemmology Institute of America e che, attualmente, è considerata la massima autorità in materia di diamanti e pietre preziose.
Se possiedi un gioiello antico, una rarità oppure semplicemente di un diamante di cui vorresti conoscere il valore, rivolgersi con fiducia a Banco Diamanti rappresenta una garanzia di ottenere il massimo realizzo possibile, a seguito di una valutazione attenta, completa e oggetto di spiegazione articolata.
La valutazione dei diamanti è completamente gratuita è può essere richiesta sia telefonicamente, sia attraverso l’apposito modulo da compilare online sul sito di Banco Diamanti.
Il passo successivo al primo contatto, da parte del cliente, è l’appuntamento in sede, che ha la durata di circa mezz’ora.
Poiché l’acquisto di diamanti, sia certificati sia sprovvisti di certificazione, costituisce un passo importante, è consigliabile riflettere con attenzione prima di richiedere un appuntamento, poiché questo coinvolge una serie di esperti e know how tecnico di alto livello.
In ogni caso, se dovessero sorgere dubbi oppure domande durante l’appuntamento, i gemmologi di Banco Diamanti sono a completa disposizione.

Come avviene la quotazione dei diamanti usati

Presentare uno o più diamanti usati presso Banco Diamanti rappresenta un’esperienza ricca di storia, dettagli e informazioni riguardanti la pietra che, sin dall’antichità, affascina le persone di tutto il mondo.
Non è semplice, per un soggetto estraneo al settore, riconoscere un gioiello con un diamante autentico da uno che, invece, ha uno scarso valore di mercato.
Durante la valutazione dei gioielli con diamante, il gemmologo si baserà, oltre che sulla certificazione, su alcuni elementi fondamentali, che comunemente sono identificati con 4c, perché indicano la caratura (carat weight), il taglio (cut), il colore e la purezza (clarity).
Indubbiamente, il taglio del diamante con un valore commerciale maggiore è quello brillante che, con la sua forma ovale e le sfaccettature disposte lungo l’intera superficie, consentono di ammirare la lucentezza della pietra preziosa in tutta la sua magnificenza.
Altri tagli di diamante sono quelli ovale, a marquise e a goccia, anche se esistono tagli denominati princess, radiant e numerose diverse tipologie.
Per quanto riguarda il colore dei diamanti, esiste una specifica scala a cui riferirsi e che è stata stabilita dalla GIA.
La colorazione dei diamanti più preziosi corrisponde alla lettera D, che corrisponde all’essere incolore della pietra preziosa. La lettera Z, invece, si riferisce a un diamante dotato di una colorazione piuttosto scura e che, proprio per questo, presenta un valore inferiore di mercato rispetto a colorazioni più chiare.
I carati sono legati al peso del diamante e non è difficile immaginare che una pietra più pesante abbia un valore più elevato rispetto a una più leggera.
La purezza del diamante ne determina in misura importante il valore di acquisto ed eventuale rivendita, laddove la totale assenza di impurità contraddistingue una pietra preziosa quasi inestimabile (considerando, naturalmente, anche altri fattori), mentre un diamante ricco di impurità avrà un valore più ridotto.
Queste sono le pietre miliari della valutazione dei gioielli con diamante e che gli esperti gemmologi di Banco Diamanti affiancheranno con altri parametri, compresa la certificazione ed elementi riguardanti la storia intrinseca del diamante, come il periodo storico di emissione e la sua incastonatura in gioielli di alto valore e realizzati in leghe metalliche di pregio.

Analisi gemmologica dove farla

IGR Diamanti Roma - analisi gemmologicaUn’analisi gemmologica è un’operazione delicata e fondamentale se si vuole vendere o acquistare un diamante o una pietra preziosa senza avere alcuna incertezza sulla qualità e sull’effettivo valore di ciò che si va a comprare.
Sempre più spesso vi è il rischio di incappare in inganni o valutazioni errate, soprattutto perché vi è ancora chi sostiene che manchino criteri oggettivi con i quali valutare la gemma.

Rivolgersi ad un istituto certificato, come l‘IGR Diamanti Roma di cui vi parleremo in seguito, significa affidarsi a esperti del settore che lavorano con l’unico obiettivo di dare al cliente un servizio totalmente affidabile.

 Cos’è l’analisi gemmologica? 

Prima di capire a chi rivolgersi per un’analisi gemmologica andiamo a guardare di cosa si tratta e quali sono le sue finalità.

Un’analisi gemmologica è un procedimento scientifico che valuta attentamente la gemma, ne descrive le caratteristiche e va a definire i parametri che, una volta sul mercato, determineranno il valore economico della pietra. Viene rilasciata una sorta di carta d’identità della gemma, il certificato gemmologico, che ne attesta l’effettivo valore economico qualora la gemma voglia essere venduta ad un banco che si occupa di affari di questo tipo.
Prima di vendere la propria gemma è necessario affidarsi a compratori affidabili: le insidie si annidano dietro ogni angolo e rimanere incastrati tra chi cerca di guadagnare e chi mente sull’effettivo valore della gemma non è così complesso.

Il certificato gemmologico è la carta d’identità della gemma: ne attesta e trascrive le caratteristiche oggettive, ossia tutti quei parametri identificativi della pietra preziosa che vanno a determinare il suo peso, colore, taglio, purezza e forma; tutti questi elementi andranno a determinare quale sarà il valore economico della gemma.

Tra i parametri che maggiormente condizionano il valore della gemma troviamo il colore, la caratura, la purezza e il taglio: la combinazione e l’equilibrio che vi è tra questi quattro fattori va a determinare quando un banco sia disposto a pagare per acquistare la gemma. E a questo proposito, un elemento che fa lievitare il valore economico della gemma è la rarità della stessa: meno ne esistono al mondo con quelle precise caratteristiche, più saranno quelli disposti ad acquistarla per inserirla all’interno della loro collezione o per poterla, in futuro, rivenderla.
Acquistare una gemma o un diamante è un investimento lungimirante e promettente: il mercato che li riguarda, infatti, è in costante ascesa e promette di continuare su questo andamento anche in futuro.

Prima di vendere o acquistare questo tipo di oggetti, dunque, è fortemente consigliato procedere ad una perizia che coinvolga le pietre preziose, così da avere massima tranquillità su ciò che si andrà a vedere o comprare. E, in modo particolare, è fondamentale diffidare da tutti i presunti esperti che dichiarano la non esistenza di criteri oggettivi che permettano di guardare alle caratteristiche della pietra: dietro queste dichiarazioni vi è una totale inesperienza o delle tendenze truffaldine ed è solo affidandosi ai professionisti del settore che si evita qualsiasi tipo di inganno e si riuscirà ad essere totalmente soddisfatti dalla vendita o dall’acquisto.

Dove fare l’analisi gemmologica? 

A Roma, nel quartiere Appio Latino, opera, da oltre dieci anni, l‘Istituto Gemmologico Roma: dopo una attenta e competente valutazione della pietra preziosa, gli esperti che collaborano con uno degli istituti più noti ed importanti in Italia rilasceranno un certificato che ne testimonierà il valore.
L’IGR Diamanti Roma vanta una vasta esperienza maturata, anno dopo anno, lavorando con i diamanti e con le pietre colorate e studiando attentamente gli andamenti del mercato, con una particolare attenzione all’attività di orafi, commercianti e gioiellieri della capitale. Si tratta, ad oggi, di uno dei più affidabili poli di consulenza a cui rivolgersi per l’acquisto e la vendita di articoli di gioielleria, gemme e pietre preziose.

IGR offre la sua consulenza sia a chi lavora nel settore, sia ai privati che, per motivi di necessità o per curiosità, vogliono conoscere il valore e le caratteristiche di ciò che posseggono. I migliori professionisti, macchinari e tecnologie del settore, tra innovazione e avanguardia, hanno permesso di dare vita a questo progetto di caratura internazionale basato sulla professionalità e sul rispetto assoluto delle esigenze del cliente: fidarsi non è mai stato così bello.

Rimedi osteopatici, come funzionano

Centro Fisioterapico Aurelio - OsteopatiaL’osteopatia è la scienza che grazie alla conoscenza anatomica del corpo umano mette in pratica manovre terapeutiche per migliorarne lo stato di salute o per trattare condizioni patologiche. E’ importante specificare che sebbene in prima battuta il pensiero vada a patologie o dolori in generale di natura ossea, articolare o muscolare, l’osteopatia si occupa anche del trattamento di condizioni che riguardano vasi sanguigni, nervi e vasi linfatici; ovvero qualsiasi struttura possa andare in contro ad alterazioni nel decorso o nel funzionamento.
Tale puntualizzazione fa sì che il trattamento osteopatico non si rivolga soltanto allo sportivo o a chi riscontra problemi muscolo-articolari, ma anche a tutti coloro i quali soffrono di depressione, insonnia, debolezza e stanchezza.

I principi dell’osteopatia

Per capire meglio come agisce questa scienza medica è bene esplorare quelli che sono i suoi capisaldi, ovvero quei concetti di base che la caratterizzano e che la distinguono da molti altri approcci terapeutici.
Il primo principio da evidenziare è l’assenza di medicinali, infatti a differenza di quasi tutte le altre scienze mediche non fa uso di prodotti di sintesi o naturali per sortire effetti benefici, ma si basa completamente su manipolazioni, stretching e manovre più o meno complesse. In particolare non utilizzando farmaci non ha vere e proprie caratteristiche guaritive, sfrutta piuttosto la capacità che ha il corpo di auto-rigenerarsi dandogli modo di farlo al meglio ottenendo quindi infine effettivi benefici.
Il secondo caposaldo dell’osteopatia consiste nella considerazione dell’intero organismo del paziente contemporaneamente, senza concentrarsi soltanto sull’arto o la regione interessata da dolore, ma trattandola in relazione al resto del corpo, portando beneficio quindi non solo mirato sulla patologia ma anche a tutto il fisico. Il principale vantaggio di questo approccio sta nell’evitare uno dei grandi pericoli corsi dalla medicina moderna, che punta a correggere velocemente un disturbo senza curarsi di preservare il resto dell’organismo.
Infine, da integrare a quest’ultimo principio, è quello della relazione strettissima tra funzione e struttura che viene ben considerata e studiata nell’osteopatia.
Il trattamento quindi punta a restituire il naturale equilibrio presente tra queste due caratteristiche, infondo infatti la struttura è relativamente a servizio della funzione, ma ha la sua importanza e non può essere sacrificata a favore della seconda. il trattamento osteopatico quindi preserva entrambe queste caratteristiche del corpo per ottenere un risultato il più naturale e armonico possibile.

Un’eccellenza italiana nel campo dell’osteopatia

Uno dei migliori centri in Italia è il Centro Fisoterapico Aurelio, questo da oltre vent’anni si occupa principalmente di condizioni muscolo-scheletriche e articolari, rivolgendosi a sportivi ma non solo.
Fondato nel 1996 da Angelo Tiburzi, ex fisioterapista della Società Sportiva Lazio, propone trattamenti mirati e orientati sul paziente per trattare al meglio qualsiasi tipo di patologia o sintomo che riguardi articolazioni, colonna vertebrale e muscoli.
E’ importante specificare che non è necessario attendere di sviluppare patologie importanti per potersi rivolgere ad un professionista in questo campo, infatti la scienza osteopatica garantisce importantissimi trattamenti di prevenzione, nonché innumerevoli manovre in grado di migliorare la condizione sub-clinica del classico impiegato sedentario o dell’operaio con inevitabili alterazioni vertebrali.
Seguendo quindi ogni principio precedentemente esplicato, il Centro Fisioterapico Aurelio elabora trattamenti mirati studiati su misura per ogni paziente prendendo in considerazione ogni aspetto della sua vita, della sua condizione fisica e delle sue esigenze. In quanto centro di riferimento nel panorama Italiano si serve oltre che di personale competente anche di macchinari all’avanguardia, rendendo quindi la struttura in grado di erogare terapie innovative e altamente funzionali. All’interno della fondazione inoltre per identificare la strada terapeutica migliore da intraprendere vengono eseguite due anamnesi differenti da specialisti diversi, in particolare è presente una visita fisiatrica e una ortopedica, con annessa valutazione chirurgica che entrerebbe in gioco solo nel caso in cui l’unica strada da percorrere fosse quest’ultima.
Grazie all’integrazione quindi di valutazioni differenti sarà possibile identificare il trattamento osteopatico migliore, incentrato sulla condizione particolare e mantenendo bene sott’occhio tutto il resto dell’organismo.

Oli essenziali per Sauna

Essenze professionali per sauna - Talia EssenzeQuando parliamo di oli essenziali per la sauna, ci riferiamo a quel particolare tipo di essenze idrosolubili che hanno la capacità di stimolare una particolare zona della piramide olfattiva a seconda della loro qualità:

La zona testa della piramide olfattiva è attivata dagli oli essenziali che trasmettono freschezza, i cui principi molecolari stimolano immediatamente recettori del sistema nervoso centrale. Tra questi oli ricordiamo le essenze di anice o di bergamotto.

La zona base della piramide olfattiva comprende la lavanda e le essenze arboree, che stimolano principalmente il sistema periferico parasimpatico, inducendo il rilassamento di tutta la muscolatura e degli organi interni.

La zona cuore o centrale della piramide olfattiva comprende alcune essenze di particolare stimolo emotivo sul sistema nervoso, che stimolano direttamente i recettori sensoriali: tra le essenze ricordiamo tutti i profumi fruttati e fioriti, tra cui l’arancio e la rosa.

Le essenze utilizzate nella sauna, sotto forma di oli, vengono a vaporizzarrsi all’interno di una stufa che raggiunge anche i 400 gradi. Sono contenuti all’interno di un blocco di ghiaccio che si scioglie a contatto diretto con il calore, sprigionando l’aroma dell’olio essenziale. La sauna, di per sé, possiede numerosi benefici, proprio grazie alla presenza dei principi attivi essenziali. In particolare, grazie al rilascio di calore, viene stimolato tutto l’apparato cardiocircolatorio: così si rilassano gli organi interni, si rafforzano le difese immunitarie e la circolazione sanguigna raggiunge il livello ottimale. Importanti sono anche i benefici della sauna dovuti all’effetto della sudorazione: il sudore infatti agisce pulendo la pelle e stimolando il metabolismo degli organi interni fungendo anche da ottimo antinfiammatorio.

Come si producono gli oli essenziali?
Non abbiamo ancora parlato di cosa siano effettivamente gli oli essenziali: si tratta di fragranze idrosolubili, contenuti nei petali, nello stelo, nelle cortecce o nelle foglie di una particolare pianta. Esistono tre principali tecniche estrattive degli oli essenziali: la distillazione con vapore, l’estrazione tramite l’uso dei solventi e la spremitura.

L’estrazione al vapore è il metodo più diffuso; è una tecnica abbastanza semplice. Alla fine della procedura il vapore aromatico verrà ad essere contenuto in una serpentina per il raffreddamento, per poi essere versato in un vaso particolare denominato e essencier.

Questo è il metodo che utilizzano la maggior parte dei produttori di oli essenziali per sauna e bagno turco. Tuttavia esistono altre due tecniche che consentono l’estrazione o la spremitura dell’olio essenziale: la spremitura è probabilmente il metodo più naturale possibile poiché si tratta di una pressatura a freddo; l’estrazione con solvente invece è necessaria per particolari tipi di piante, con boccioli o piccoli fiori che si danneggerebbero con un qualunque altro tipo di estrazione.
E attenzione agli oli essenziali sintetici: molto spesso, soprattutto per uso personale non professionale, troverete degli oli essenziali a ridotto costo che non vengono estratti naturalmente ma prodotti in laboratorio. Non tutte le sintesi chimiche sono da considerare tossiche o ad alto impatto ambientale, attenzione; tuttavia, per quanto riguarda gli oli essenziali, trattandosi di principi attivi naturali, è sempre bene partire da un prodotto di prima mano.

Ma quale tipologia di oli essenziali è migliore per l’utilizzo in sauna?
Certamente le migliori essenze devono essere di produzione biologica. È buona prassi evitare tutte le essenze di produzione chimica, come dicevamo prima, perché possono contenere pesticidi o procedimenti chimici sintetici che danneggiano i principi attivi degli oli essenziali. Ma allora dove comprare degli oli essenziali certificati e di qualità?
La profumeria Talia si occupa della vendita al dettaglio e on-line di oli essenziali purissimi interamente biologici, nonché di miscele essenziali ad uso professionale; è specializzata anche in confezioni professionali per sauna, bagno turco, docce emozionali e nebbie fredde.

La produzione di Talia Essenze è conosciuta proprio per la qualità al 100% essenza naturale: i suoi prodotti per sauna e bagno turco sono prodotti unicamente tramite distillazione naturale, con procedimenti di alta qualità; sono privi di stabilizzanti e fissanti di natura chimica, con menzione d’onore per la qualità della materia prima vegetale certificatamente biologica.

I prodotti di  Talia Essenze possiedono una scheda descrittiva ed esplicativa per ogni singolo olio essenziale. In particolare, ci teniamo a consigliare di leggere le affinità olfattive: particolarissime indicazioni tratte dalle antiche tradizioni di profumeria, che consentono una esperienza sensoriale altamente qualitativa.
Gli oli essenziali nella gamma di Talia che troverete in vendita online sono:
Origano
Achillea
Cumino
Cedro
Agar
Cardamomo
Rosa bulgara
Mirra
Legno di cedro
Benzoino
Vetiver
Tea tree oil
Neroli
Bergamotto
Gelsomino
Patchouli
Palo Santo frutto
Elemil
Rosa turca
Mirto
Canapa

Consulenza e Pianificazione finanziaria indipendente

Consulente Finanziario Indipendente - pianificazione finanziariaLa figura del consulente finanziario indipendente è centrale nell’attività di una lungimirante pianificazione negli investimenti, sia per i privati, sia per le aziende.

Attualmente, in Italia sono presenti diverse tipologie di consulenza finanziaria, svolta principalmente dai dipendenti delle banche, dai promotori finanziari e dai consulenti per gli investimenti, figure indipendenti che non ricevono provvigioni dagli istituti bancari, ma dai clienti che si rivolgono ai loro servizi.
La professionalità del consulente finanziario indipendente è riscontrabile nella sua formazione economica e nell’ambito degli investimenti, nel continuo aggiornamento sui migliori strumenti presenti sul mercato finanziario, per pianificare al meglio la gestione del patrimonio dei clienti, i cui interessi sono posti al centro dell’attività.

Perché rivolgersi al consulente finanziario autonomo

Il consulente finanziario indipendente è chiamato tale perché la sua attività è totalmente svincolata da rapporti di dipendenza o collaborazione presso istituti bancari o società finanziarie, interessati a collocare sul mercato determinati prodotti, siano essi azioni, obbligazioni o fondi di investimento.

Il dipendente della banca, tra i suoi compiti, ha quello di proporre alla clientela le soluzioni di investimento dell’azienda per cui lavora, che prevede commissioni e incentivi per il collocamento di titoli azionari e obbligazionari emessi dall’istituto bancario.
Ne deriva che il funzionario di banca, nell’illustrare al cliente le possibilità che questi ha di investire il proprio denaro, avrà un evidente conflitto di interessi, poiché tra i suoi principali obiettivi rientra quello di proporre un prodotto finanziario che non necessariamente si rivela il migliore per il correntista.
Da questo punto di vista, sono tristemente famosi i casi storici legati a crac finanziari nell’ambito di alcune delle più importanti e antiche banche italiane ed europee, in particolare Monte dei Paschi di Siena, la cui quotazione azionaria, nel 2013, crollò di oltre il 60% in un giorno, facendo perdere miliardi di euro ai risparmiatori che avevano acquistato le azioni di una banca da sempre ritenuta solidissima e inossidabile.

Anche il promotore finanzario non necessariamente mira agli interessi dei clienti privati e delle imprese a cui propone le diverse soluzioni per investimento, poiché consiglierà quei titoli che gli garantiscono le provvigioni più elevate.
Anche in questo caso si verifica un conflitto di interessi, in quanto il promotore, per portare avanti la sua attività, privilegerà i prodotti finanziari che offrono guadagni maggiori, indipendentemente dalla convenienza o meno per il cliente.

Il consulente indipendente per gli investimenti, invece, ha un vero e proprio rapporto di fiducia nei confronti dei clienti che segue, nel percorso di pianificazione finanziaria per i cittadini privati e le aziende.
Grazie alla consulenza personalizzata a pagamento, il professionista esegue un’analisi completa delle esigenze dell’investitore, predispone una serie di opzioni da proporre al cliente, con l’unico obiettivo di tutelarne gli interessi e incrementarne i profitti.
Gli investitori che hanno intenzione di amministrare il proprio portafoglio con consapevolezza e ottenere il massimo guadagno, si rivolgono al consulente finanziario indipendente per pianificare al meglio le risorse a disposizione, pagando una parcella al professionista, in cambio delle sue raccomandazioni e di tutte le informazioni utili a conoscere le caratteristiche di uno o più prodotti di investimento.
Il corrispettivo della consulenza, insieme a un’etica professionale garantita dall’adesione a organizzazioni di monitoraggio e tutela dei clienti, determina un vero e proprio impegno, da parte del consulente, nel cercare gli investimenti più profittevoli per il cliente, con cui condivide gli stessi obiettivi.

Affidarsi a Travagli Financial per la pianificazione degli investimenti

Da oltre trent’anni, Travagli Financial opera nella consulenza finanziaria in favore di privati, imprese, fondazioni, onlus e diverse organizzazioni societarie, in Italia e all’estero.
Il grande talento imprenditoriale e l’esperienza pluriennale, maturata in contesti bancari, del settore creditizio e dell’alta finanza, ha consentito di conoscere a 360 gradi una realtà in continua evoluzione, l’approccio dei diversi attori che operano nei mercati finanziari e le reali esigenze degli investitori.
La consulenza finanziaria e la pianificazione fornita dagli esperti di Travagli Financial è esclusivamente a parcella, senza provvigioni legate all’intermediazione per la promozione di strumenti di investimento.
È questo il punto centrale dell’attività del consulente indipendente, che gestisce una corretta pianificazione finanziaria del capitale dei propri clienti con la percezione di un corrispettivo, e non di una commissione di intermediazione per la vendita di prodotti.
Per tale motivo, i professionisti di Travagli Financial rappresentano un punto di riferimento prezioso per tutti coloro che desiderano investire il proprio denaro massimizzando i profitti, grazie a un’oculata gestione che ottimizzi il rapporto tra il rischio e il rendimento.
Inoltre, non sarà necessario cambiare banca per implementare portafogli di investimento di successo, grazie alla recente legislazione che consente di mantenere i rapporti contrattuali in essere, senza dover aprire un nuovo conto corrente.
Rivolgersi ai consulenti indipendenti di Travagli Financial significa scegliere rendimenti superiori al proprio profilo di rischio, contare sulla professionalità trasparente e diretta, orientata alla crescita del capitale dei clienti e alla loro completa soddisfazione.

Pulizie ufficio Roma

Impresa pulizie Volpi - RomaLa pulizia degli uffici è un’incombenza gravosa, alla quale però non ci si può sottrarre se si desidera avere un ambiente di lavoro accogliente e sanificato. Per tutti coloro che hanno difficoltà, però, a gestire questo aspetto, da oggi c’è una nuova risposta che è quella dell’Impresa Pulizie Volpi. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulle pulizie uffici privati.

Perché le pulizie sono importanti

Un ambiente di lavoro è un luogo nel quale le persone trascorrono gran parte del proprio tempo durante la giornata. Inoltre è anche un biglietto da visita nei confronti dei clienti: chi si trova a che fare con un’azienda o con un negozio che è sporco e poco curato, probabilmente non avrà voglia né di acquistare né di tornare a fare visita. Per tutti questi motivi è chiaro che la pulizia sia un aspetto fondamentale, da curare in ogni minimo dettaglio. Non basta, però, la buona volontà perché per una pulizia professionale è fondamentale utilizzare le tecniche giuste e i prodotti detergenti più adeguati, in grado di pulire ma allo stesso tempo senza mai essere aggressivi con le superfici e soprattutto con le persone.
Le superfici di lavoro, infatti, sono quelle più soggette alla presenza di batteri e di virus, quindi necessitano di pulizie approfondite ma con prodotti specifici, così non solo da pulire ma anche da disinfettare, con grande attenzione per l’aspetto olfattivo: i detergenti migliori profumano ma in modo leggero, senza mai essere fastidiosi per le persone che si trovano a trascorrere numerose ore in quegli specifici ambienti.

Come scegliere una ditta per le pulizie

Per ottenere dei risultati professionali, quindi, occorre rivolgersi ad un’impresa pulizie che sia davvero esperta nel suo lavoro. La sanificazione degli uffici, infatti, non può essere lasciata al caso e deve essere seguita con massimo scrupolo, soprattutto in un periodo come quello attuale, caratterizzato dall’emergenza Covid, che richiede misure sanitarie ancora più rigorose. Ma come scegliere la realtà più adeguata alle proprie esigenze? Ovviamente la serietà e la competenza devono essere i primi elementi da prendere in considerazione: in tal senso può essere un grande aiuto un preventivo che dovrà spiegare in modo chiaro e dettagliato le singole voci di spesa ma anche le tecniche e ovviamente i detergenti utilizzati.
La competenza in materia è un altro elemento che deve essere valutato con attenzione: non tutte le superfici sono uguali ed è indispensabile che per ognuna di esse venga utilizzato il detergente giusto, così da garantire la pulizia e l’igienizzazione ma senza rovinare i materiali delle superfici trattate. Allo stesso modo anche la qualità dei detergenti e dei macchinari impiegati rientra fra gli elementi da prendere in considerazione per scegliere l’impresa di pulizia giusta.

Quali elementi vanno presi in considerazione

Quali sono gli elementi più importanti che si devono prendere in considerazione per scegliere un’azienda per le pulizie uffici a Roma? Molti potrebbero rispondere a questa domanda citando il risparmio economico. Sicuramente il prezzo è una delle discriminanti ma non è detto che la spesa minore rappresenti davvero la soluzione giusta perché spesso si traduce in un servizio approssimativo, detergenti di scarsa qualità e così via. Accanto al budget, quindi, si devono valutare anche altri aspetti. Ad esempio la flessibilità oraria: i servizi di pulizie professionali devono essere svolti negli orari non di lavoro, quindi al mattino presto oppure la sera, dopo la chiusura. Se un’azienda non offre questa disponibilità allora potrebbe essere non in linea con le proprie esigenze. Inoltre il livello di pulizia offerto deve essere impeccabile, oltre al fatto che la ditta prescelta deve poter mettere a disposizione diverse attività, dalle pulizie ordinarie alle sanificazioni straordinarie. Il tutto sempre con le carte in regola: le ditte di pulizia devono essere autorizzate all’attività e puntare su dipendenti con regolare contratto di lavoro, per non incorrere in multe salate.

Perché scegliere l’Impresa Pulizie Volpi

L’Impresa Pulizie Volpi offre tutto questo e molto di più. Ha un’esperienza di oltre 30 anni nel settore ed è in grado di garantire soluzioni personalizzate per ogni esigenza. La ditta dispone di uno staff competente e di tutti i macchinari necessari in questo ambito, così da affrontare anche lo sporco più ostinato. Tutti i detergenti impiegati sono delle migliori marche del settore, efficaci sulle superfici ma mai pericolosi per la salute dell’uomo o dell’ambiente. Lo staff è composto solo da specialisti del settore, tutte persone di grande discrezione e disponibilità, puntuali e precisi nelle pulizie. In caso di malattia, l’azienda predispone immediate sostituzioni così da non lasciare mai le aziende clienti scoperte. Infine propone tariffe competitive e comunque con un ottimo rapporto tra la qualità e il prezzo.

L’ufficio commerciale è disponibile per tutte le informazioni necessarie e per un preventivo pulizie uffici così da valutarne qualità e convenienza.

Stima diamante usato con certificato

stima diamanti usati a RomaPossedere un diamante usato con certificato è come avere del denaro contante perché è fra le pietre preziose quella che si vende con più semplicità. Se questa è una verità piuttosto assodata, va però detto che sono necessari alcuni piccoli accorgimenti per essere sicuri di ottenere non solo le quotazioni più alte ma anche il guadagno maggiore dalla vendita del proprio diamante. Ecco, allora, tutto quello che si deve fare per ottenere una buona stima del diamante usato con certificato.

Come avviene la stima del diamante usato con certificato

La stima di un diamante usato è molto semplice perché, se la documentazione è recente ed è stata fornita da un ente accreditato per questo tipo di qualifica, allora l’operatore al quale ci si è rivolti per la vendita del diamante non dovrà fare altro che basarsi su questi dati per poter elaborare la propria offerta. Diverso sarebbe stato il discorso nel caso di un diamante non certificato oppure di una pietra con una documentazione molto vecchia. In questi casi, infatti, occorre eseguire nuovamente la perizia gemmologica perché i dati forniti nel certificato potrebbero essere stati alterati nel corso del tempo, la pietra potrebbe aver subito graffi, traumi e non essere più preziosa come alla prima certificazione. La stima di un diamante avviene su dei parametri molto precisi che corrispondono ad alcune caratteristiche della pietra stessa come il taglio, il colore, la brillantezza, la grandezza, in poche parole la sua purezza. Per questo motivo non sempre una pietra più grande equivale ad una più preziosa perché magari potrebbe essere meno pura o con un colore più opaco e quindi di minor valore.

Come si compone la quotazione dei diamanti

Una volta che sono state stabilite le caratteristiche della pietra, attraverso un recente certificato oppure con un’accurata perizia gemmologica, si può procedere alla sua valutazione in termini economici. In tal senso è necessario che l’operatore al quale ci si rivolge faccia riferimento all’unico listino ufficiale in tal senso che è quello chiamato Rapaport Diamond Report che è una tabella ufficiale che viene pubblicata ogni settimana e che consente di avere delle valutazioni oggettive e soprattutto valide per tutti gli operatori. Dopo questa comparazione sarà possibile formulare un’offerta per l’acquisto della pietra. Se al cliente sarà congeniale, allora si potrà procedere con la vendita vera e propria, secondo le modalità previste per legge. Se, invece, la stima non è reputata all’altezza delle proprie aspettative, allora si può rifiutare e richiedere la perizia di un altro operatore. Non tutti, infatti, applicano le stesse quotazioni e ci sono anche alcuni operatori che fanno pesare sulla vendita alcune spese aggiuntive. Per tutti questi motivi è fondamentale trovare un operatore serio al quale rivolgersi per questa operazione.

A chi rivolgersi per la stima del diamante usato con certificato

IGR Diamanti Roma è l’operatore migliore per vendere diamanti incastonati o meno. Si tratta, infatti, di un operatore che è anche un vero e proprio istituto di gemmologia che opera da oltre dieci anni e che ha al suo interno uno staff di specialisti in grado di effettuare ogni tipo di valutazione su pietre di qualunque tipo, diamanti e non solo. L’istituto nasce dopo un’attenta analisi delle condizioni di mercato e soprattutto delle necessità degli operatori del settore: orefici, banchi di pegno, gioiellerie, case d’asta e tante altre realtà avevano bisogno di un punto di riferimento, un centro sempre a loro disposizione per riuscire non solo a valutare la qualità dei diamanti ma anche ad offrire una serie di altri servizi. Nel corso del tempo, poi, i servizi di IGR Diamanti Roma si sono aperti anche ai clienti privati che vogliono vendere o acquistare pietre preziose alle migliori quotazioni oppure per semplice curiosità, al fine di conoscere l’effettivo potenziale del piccolo tesoretto in pietre preziose che si possiede.

Perché scegliere IGR Diamanti Roma per la vendita dei diamanti usati

IGR Diamanti Roma è il primo nome da prendere in considerazione per la compravendita di diamanti usati con certificato oppure semplicemente per la quotazione diamanti da certificare. Oltre ad avere un personale molto competente, nel quale spiccano dei bravissimi gemmologi diplomati che hanno una grande conoscenza delle pietre preziose, uno dei punti forti di questa realtà è quello di offrire alla propria clientela molti servizi diversi. IGR non deve essere contattato solo per vendere diamanti usati ma anche per perizie, analisi gemmologiche e così via. Un servizio innovativo? I corsi di formazione riservati sia agli operatori di settore che ai semplici appassionati di pietre preziose per apprendere tutte le particolarità e i segreti dei diamanti e delle gemme in generale, al fine di imparare a riconoscere anche in autonomia quelle più belle. IGR Diamanti Roma, dunque, offre la sua consulenza in tanti settori diversi ed è il partner giusto per la compravendita di diamanti certificati e non.

Investire in diamanti per garantire il risparmio

vendita diamanti RomaSe avete bisogno di risparmi per comprare casa, fare una vacanza, acquistare un auto o magari semplicemente per il vostro sostentamento, allora una delle migliori scelte che potrete fare è quella di investire in diamanti certificati. Saper investire il proprio denaro, così da poter guadagnare e mettere da parte qualche soldo è fondamentale al giorno d’oggi. Dunque è importante che sappiate cosa significa davvero investire in diamanti, quali sono i rischi, quali invece i vantaggi che potrete avere rispetto ad investire in altro, ma anche cosa significa che un diamante deve essere certificato. Non tutti sanno infatti che per essere considerato tale, un diamante deve essere riconosciuto dagli Istituti gemmologici, i quali si occuperanno di rilasciare una certificazione che attesti che il diamante sia vero, e che non siete dinanzi a nessuna truffa o contraffazione.

Andiamo ad individuare quindi i passi fondamentali e le informazioni che vi permetteranno di effettuare dei veri e propri affari, così da poter mettere da parte i vostri risparmi. Vi daremo poi informazioni, anche sulla vendita di diamanti all’ingrosso o anche sulla vendita di diamanti da investimento, così saprete subito dove trovarli e come acquistarli.

Investire in diamanti: perché è importante?
Diversi sono i motivi sul perché è importante investire in diamanti certificati, ed essere a conoscenza di come farlo. Innanzitutto essi, sono considerati da anni dei ben rifugio per eccellenza, in quanto non ce ne sono molti in giro, ma il mercato è in piena espansione. Inoltre, sempre negli ultimi anni è stata abbattuta anche l’inflazione, data la crisi dei mercati.

I diamanti da investimento, poi, oltre a non essere tassati secondo il capital gain, ed essendo invece tassati solo di IVA, appartengono ad un mercato in continuo sviluppo che non conosce davvero limiti. D’altronde, il lusso non conosce limiti.

In più i diamanti, sono anche trasportabili senza eccessivi costi o particolari metodi, e possono circolare liberamente; possono essere convertiti in pochi piccoli step e possono essere spesi in ogni parte del mondo. Infine, ultima ma forse più importante caratteristica del mercato dei diamanti da investimento è che non sono soggetti a delle variazioni in base alle oscillazioni del mercato monetario mondiale. Perciò talvolta, un investimento in diamanti certificati è consigliato da molti esperti del settore. Ma per farlo c’è bisogno di affidabilità e fiducia, che solo degli esperti possono darvi, in quanto essi hanno il compito di guidarvi all’invetsimento, oltre che ad informarvi su quali sono i requisiti che decretano un diamante, originale e pregiato.

Investire in diamanti: come farlo in sicurezza
Se avete scelto di investire il vostro denaro in diamanti allora è bene che continuiate a leggere, perché esistono varie certificazioni per i diamanti, ed ognuna ha il suo significato.

Prima di tutto è importante che esso abbia una certificazione valida, rilasciata da uno degli istituti Gemmologici riconosciuti, perché può essere paragonata ad una vera e propria carta d’identità. Se il diamante che avete davanti, sarà privo di certificato, specifichiamo ancora una volta, che deve essere rilasciato obbligatoriamente da un ente che ha il permesso di farlo, allora il diamante non sarà circolabile e dunque non verrà riconosciuto come diamante su cui investire, siccome non risulterebbe vendibile.

Solo alcune sono le certificazioni che hanno valore, andiamo a vedere quali. In Italia e all’estero, i più conosciuti sono l‘HRD (Hoge Raad voor Diamant) ed il famosissimo certificato IGI (International Gemological Institute). Questi non sono altro che certificati che prendono il nome dai due istituti tra i migliori al mondo situati ad Anversa, non a caso la capitale dei diamanti. In questo caso, essi, attestano varie caratteristiche dei diamanti, tra cui: purezza, colore, taglio, brillantezza, forme e dimensione del diamante. Ma esiste anche un altro certificato, stavolta rilasciato però da un istituto con sede a Los Angeles, ovvero, il GIA (Gemological Institute of America).

Tutti e tre gli istituti certificano i diamanti con un’incisione laser sulla cintura, invisibile ad occhio nudo, che rappresenta proprio il numero di certificazione.

Investire in diamanti: perché scegliere di acquistare da Diamanti Anversa?
A proposito della vendita di diamanti da investimento, Diamanti Aversa offre la possibilità di scegliere tra i migliori diamanti top selection e diamanti certificati IGI, tutti chiaramente con la corretta certificazione.

Perciò potrete avere a disposizione una grande scelta di diamanti dalla provenienza nota e vendibili siccome avranno tutti i tipi di certificazione. Sono infatti disponibili anche diamanti con le altre due certificazioni, HRD e GIA.

Strumenti di misura: sensori di pressione differenziale

Applicazione dei trasduttori di pressioneIl Trasmettitore di Pressione o Trasduttore di Pressione è uno strumento di controllo di processi industriali installato in campo sull’impianto. Questi trasmettitori vengono utilizzati principalmente nell’industria di processo, nel settore petrolchimico, farmaceutico e alimentare.

I modelli che presentano un dissipatore di calore come l’AM510 permettono l’utilizzo dei trasmettitori anche in presenza di temperature elevate fino ai 250°C, mentre per quanto riguarda i modelli con membrana affacciata come ad esempio l’AM590 sono capaci di svolgere delle misurazioni anche in presenza di fluidi viscosi o impaccanti.

La tipologia di Trasmettitore serie AM510 e AM580 utilizzano sensori di pressione piezoresistivi costituiti da un diaframma di misura a semiconduttore in silicio e con strutture diffuse in modo selettivo.

Il cambiamento di resistenza elettrica è proporzionale al valore di pressione. Il segnale in uscita è un segnale 4-20mA che risulta essere il segnale maggiormente utilizzato in quando non affetto da disturbi elettrici e dalla resistenza dei cavi di segnale.

Grazie a queste caratteristiche è resa possibile la trasmissione a lunghe distanze, ovvero quando le camere di controllo di un processo industriale sono lontane dall’impianto.

I Trasmettitori di Livello vengono utilizzati principalmente per il controllo del livello di liquidi all’interno di un serbatoio.

I Trasmettitori di Livello idrostatici misurano il livello di riempimento di un recipiente grazie al principio secondo il quale un liquido genera, con il suo peso specifico e la forza di gravità, una forza che aumenta in maniera proporzionale con il livello di riempimento. Questa forza è chiamata colonna di liquido.

I Trasmettitori di Pressione Differenziale vengono utilizzati anche essi nel campo industriale per la misura della pressione differenziale dei liquidi, gas e vapori.

Automazioni Misure & Controlli è da sempre tra le migliori produttrici di Trasmettitori o sensori di pressione. Al momento vi sono in mercato tre tipi differenti di trasmettitori di pressione e di un tipo di trasmettitore di livello:

Trasmettitore elettronico di pressione serie AM510 per pressione relativa. Questo modello si distingue per l’affidabilità a lungo termine delle caratteristiche elettriche e meccaniche per il prezzo contenuto. La parte sensibile a contatto con la pressione è realizzata totalmente con ottimo acciaio inox 17-4 PH resistente alla corrosione. Questo Trasmettitore è multiuso: può essere applicato nel settore pneumatico, idraulico, in impianti di refrigerazione e nel monitoraggio di livelli.

Manometro trasmettitore di pressione, serie MNSS-TR che permette di visualizzare il valore di pressione sul quadrante ed invia contemporaneamente un segnale 4-20mA. Questo modello di monometro è composto da 2 elementi sensibili: molla Bourdon e sensore ceramica, in grado di misurare la pressione e generare un segnale elettrico in uscita 4-20 mA. Grazie all’uso di questo modello potrai visualizzare sul quadrante il valore di pressione correntemente misurato e allo stesso tempo trasmette un segnale 4-20 mA. Al momento è disponibile in diversi ranges di misura. L’applicazione di questo manometro può essere nell’industria chimica, alimentare, farmaceutica e petrlochimica. La molla Bourdon di questo modello è collegata al cursore di un potenziometro di precisione. Il movimento del cursore sul potenziometro converte la deflessione del sensore rilevata a livello meccanico in una misura di resistenza tramite l’utilizzo di un circuito a ponte di Wheatstone.

Trasmettitore elettronico differenziale serie AM580. Tra i migliori sensori di pressioni Questo modello di trasmettitori elettronici di pressione differenziale serie AM 580 si distinguono per l’affidabiltà a lungo termine delle caratteristiche meccaniche e per il prezzo contenuto. Possono essere utilizzati in diversi settori come: pneumatica, idraulica e impianti frigoriferi. Il suo range di misura è da 160 bar a 10 bar. Il materiale di custodia e di attacco è in ottimo acciaio inox.

Trasmettitore elettronico di livello ad immersione serie AM520. Questo modello ha un segnale 4-20 mA 0-5V 0-10V . Il range di misura è da 1 bar a 10 bar. Il cavo è in stagno da 1 metro a 50 metri.

Trasmettitore di Pressione per Alte Temperature serie AM560. Questo modello è un ottimo strumento dedicato alla misura della pressione e trasmissione del segnale per fluidi di processo a elevate temperature. La membrana in acciaio inox è in grado di resistere al contatto con gas e liquidi con un range di temperatura che va da -40° fino a 175°C. Si tratta di uno strumento affidabile e stabile nel tempo, resistente alle corrosioni e alle vibrazioni.